Ho visto pornografia a 6 anni.. ecco che cosa è successo alla mia vita

Liz Walker aveva solo sei anni quando una ragazza più grande di lei si schiacciò accanto a lei sullo scuolabus e sussurrò eccitata “Ehi, vuoi vedere qualcosa?” Era una rivista pornografica che aveva trovato sotto il letto di suo fratello.

“Ho sentito questo senso di disgusto, ma anche di eccitazione”, ricorda la Walker. “Sono stata catapultata in una consapevolezza della mia sessualità per la quale non ero pronta. Nel mio cervello di sei anni ho pensato che fosse quello che dovevi fare per essere notata.”

Liz ha iniziato a guardare porno ogni pomeriggio dopo la scuola e a provare quello che vedeva con gli altri bambini. Ha perso la verginità a 12 anni, e ha avuto più partner sessuali durante la sua adolescenza.

“Cercavo le interazioni sessuali dovunque potessi, perché ero condizionata a pensare che fosse quello che facevano le donne”, ricorda la Walker. “Ho avuto la reputazione di una poco di buono fin da un’età molto giovane.”.

Finì per bere alcolici e drogarsi per coprire il suo “deficit emotivo”, e trascorse i suoi ultimi anni dell’adolescenza dentro e fuori dai reparti psichiatrici.

E tutto lo attribuisce a quella fatidica mattina sul bus della scuola. “Prima di quello non avevo mai avuto consapevolezza sessuale, vivevo in un ambiente domestico sano, e non c’erano altri fattori che contribuivano”.

La signora Walker, che ora è una rispettata direttrice dei programmi di educazione sessuale per i giovani, avverte che ci sono bambini il cui cervello viene ri-cablato dalla loro esposizione al porno, la cui intera comprensione del sesso è il porno, e che pensano che sia giusto essere violenti con le donne.

“So cosa vuol dire a sei anni vedere cose e pensare di finire nei guai se ne parli”, ha detto la signora Walker.

“Abbiamo già una generazione di bambini che vedono il degradante sesso violento come la norma – privo di connessione, intimità e amore.”.

Il Senato sta attualmente conducendo un’indagine sul danno arrecato ai bambini australiani attraverso l’accesso alla pornografia su Internet.

L’amministratore delegato della Australian Childhood Foundation, Joe Tucci, ha affermato che la facile accessibilità della pornografia crea una generazione di bambini con problemi legati alla sessualità.

Il dott. Tucci ha detto che bambini di sei anni sono esposti al porno online, sia per sbaglio, sia come parte di un processo di educazione, o da amici o da fratelli più grandi. “Sono troppo giovani per capire cosa significa”.

“Il porno mostra una dimensione del sesso non veritiera e i messaggi che lo accompagnano sono tutti sbagliati, sono messaggi sul potere e la sottomissione e la natura della mascolinità, creano una visione distorta di quali sono e devono essere le relazioni”.

I bambini provenienti da contesti vulnerabili sono più suscettibili di essere influenzati dal porno. “Qualcosa in loro non è giusto o non viene curato, e il porno soddisfa quel qualcosa. Non cercano esplicitamente porno, ma poi lo vedono per caso e questo inizia ad attivare le cose in loro”.

Gli adulti devono capire che il pericolo he i bambini stanno affrontando. “Li abbiamo abbandonati in un mondo adulto”. “Abbiamo creato una tecnologia che ha reso il porno accessibile ai bambini e non siamo interessati all’impatto che sta avendo.”

Fonte: The Sidney Morning Herald

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *