Porno & Violenza, La denuncia delle Attrici

Una scena di sesso violenta oltre il consenso della pornostar e scoppia il caso. L’attrice ipertatuata Leigh Raven ha dichiarato che durante una scena di “rough sex” (genere di sesso brutale ndr) che si è svolta il 6 marzo scorso, l’attore Rico Strong e il regista Just Dave sono andati oltre il suo consenso, al punto che la ragazza è successivamente corsa a denunciare l’accaduto alla polizia.

La stessa cosa, con gli stessi protagonisti, sarebbe accaduta alla collega Riley Nixon nel gennaio scorso. In un video pubblicato su Youtube e girato da Nikkie Haerts, moglie e collega di set della Raven, la pornostar racconta di come ci sia stato un breve preavviso rispetto a due sequenze di fila riguardanti un “rough blowjob” e un “light racial play” tra ragazza e ragazzo.

Scene che secondo la ragazza si sono rivelate più pesanti del previsto. “Mi sono fidata del regista, quando mi ha detto che se avesse visto qualsiasi mia indicazione di fastidio avrebbe chiamato lo “stop”. Io piangevo, spingevo via il compagno di set, facevo qualunque cosa che facesse capire che stavo lottando, ma lui non ha chiamato la fine della scena”. La Hearts nel ruolo dell’intervistatrice ha chiesto direttamente a sua moglie perché non ha mostrato esplicitamente il desiderio di fermarsi: “Non l’ho fatto per due motivi. A: pensavo lo facesse il regista vedendo quello che succedeva; B: c’erano quattro, cinque uomini su quel set. E come ho detto, erano stati lì tutto il giorno. Erano arrabbiati. Non volevano essere lì e avevo paura. Avevo paura”.

Finita la scena la Raven ha girato la classica intervista di assenso di ciò che è accaduto nelle riprese, protocollo standard in uso in molti filmati porno che lo usano sia ad inizio che a fine ripresa mostrandola nel video, poi arrivata a casa è “crollata” e si è messa “a piangere”. Il giorno successivo è così andata alla polizia che le ha consigliato una visita medica dove le sono stati riscontrati lividi sulla cervice e lacerazioni al perineo.

Non è un segreto che la maggior parte della pornografia sia violenta, ma molte persone ignorano  quanto tutto questo possa cambiare il comportamento.

Alcuni anni fa, un team di ricercatori ha esaminato 50 dei film pornografici più famosi, quelli acquistati e affittati più spesso. [1] Delle 304 scene contenute nei film, l'88% conteneva violenza fisica e il 49% conteneva aggressioni verbali. In media, solo una scena su 10 non conteneva alcuna aggressività, e la scena tipica aveva almeno 12 attacchi fisici o verbali.

La quantità di violenza mostrata nella pornografia è sorprendente ma, altrettanto inquietante, è la reazione delle vittime. Nello studio, il 95% delle vittime (quasi tutte donne) erano neutrali rispetto all'abuso o sembravano rispondere con piacere. [2]

In altre parole, nella pornografia, le persone vengono picchiate e sorridono.

Studio dopo studio si è dimostrato che i consumatori pornografici che guardano film violenti e non violenti hanno più probabilità di usare la coercizione verbale, le droghe e l'alcool per costringere gli individui al sesso. [3] E studi multipli hanno scoperto che l'esposizione alla pornografia violenta aumenta il comportamento aggressivo, compresa la fantasia violenta che l'effettiva dedizione alla violenza. [4]

Nel 2016, un team di ricercatori principali mise insieme tutte le ricerche che si potrebbero trovare sul tema. [5] Dopo aver esaminato ventidue studi, hanno concluso che la ricerca ha lasciato “poco dubbio che, in media, gli individui che consumano più spesso pornografia hanno atteggiamenti favorevoli all'aggressione sessuale e sono dediti all’ aggressione sessuale”.

Per rendere le cose peggiori, quando i film pornografici mostrano vittime di violenza che sembrano accettare o godere di essere feriti, lo spettatore viene alimentato dal messaggio che le persone amano essere trattate in questo modo, dando così ai consumatori l’idea che è normale agire in modo aggressivo. [6]

E ricordate che l'uso di pornografia aumenta spesso nel tempo, quindi anche se i consumatori non arrivano a guardare pornografia violenta subito. Quanto più consumano, tanto più probabilmente si troveranno a cercare contenuti scioccanti e violenti. [7]

Naturalmente, non tutti i consumatori pornografici si trasformeranno in violentatori. Ma ciò non cambia il fatto che la pornografia ci sta colpendo con un'ondata di violenza disumana.

A presto
Antonio Morra

Proteggi la tua vita:

Note:

[1] Bridges, A. J., Wosnitzer, R., Scharrer, E., Sun, C. & Liberman, R. (2010). Aggression and Sexual Behavior in Best Selling Pornography Videos: A Content Analysis Update. Violence Against Women, 16(10), 1065–1085. doi:10.1177/1077801210382866

[2] Bridges, A. J., Wosnitzer, R., Scharrer, E., Sun, C. & Liberman, R. (2010). Aggression and Sexual Behavior in Best Selling Pornography Videos: A Content Analysis Update. Violence Against Women, 16(10), 1065–1085. doi:10.1177/1077801210382866. See also Whisnant, R. (2016). Pornography, Humiliation, and Consent. Sexualization, Media, & Society, 2(3), 1-7. doi:10.1177/2374623816662876 (Arguing that “pornography’s

[3] Boeringer, S. B. (1994). Pornography and Sexual Aggression: Associations of Violent and Nonviolent Depictions with Rape and Rape Proclivity. Deviant Behavior 15(3), 289–304; doi:10.1080/01639625.1994.9967974; Check, J. & Guloien, T. (1989). The Effects of Repeated Exposure to Sexually Violent Pornography, Nonviolent Dehumanizing Pornography, and Erotica. In D. Zillmann & J. Bryant (Eds.) Pornography: Research Advances and Policy Considerations (pp. 159–84). Hillsdale, N.J.: Lawrence Erlbaum Associates; Marshall, W. L. (1988). The Use of Sexually Explicit Stimuli by Rapists, Child Molesters, and Non-Offenders. Journal of Sex Research, 25(2): 267–88. doi:10.1080/00224498809551459

[4] Wright, P.J., Tokunaga, R. S., & Kraus, A. (2016). A Meta-Analysis of Pornography Consumption and Actual Acts of Sexual Aggression in General Population Studies. Journal of Communication, 66(1), 183-205. doi:10.1111/jcom.12201; DeKeseredy, W. (2015). Critical Criminological Understandings of Adult Pornography and Women Abuse: New Progressive Directions in Research and Theory. International Journal for Crime, Justice, and Social Democracy, 4(4) 4-21. doi:10.5204/ijcjsd.v4i4.184; Allen, M., Emmers, T., Gebhardt, L., & Giery, M. A. (1995). Exposure to Pornography and Acceptance of the Rape Myth. Journal of Communication, 45(1), 5–26. doi:10.1111/j.1460-2466.1995.tb00711.x

[5] Wright, P.J., Tokunaga, R. S., & Kraus, A. (2016). A Meta-Analysis of Pornography Consumption and Actual Acts of Sexual Aggression in General Population Studies. Journal of Communication, 66(1), 183-205. doi:10.1111/jcom.12201

[6] Bridges, A. J. (2010). Pornography’s Effect on Interpersonal Relationships. In J. Stoner and D. Hughes (Eds.) The Social Costs of Pornography: A Collection of Papers (pp. 89-110). Princeton, NJ: Witherspoon Institute; Layden, M. A. (2010). Pornography and Violence: A New look at the Research. In J. Stoner and D. Hughes (Eds.) The Social Costs of Pornography: A Collection of Papers (pp. 57–68). Princeton, NJ: Witherspoon Institute; Marshall, W. L. (2000). Revisiting the Use of Pornography by Sexual Offenders: Implications for Theory and Practice. Journal of Sexual Aggression 6(1-2), 67. doi:10.1080/13552600008413310

[7] Park, B. Y., et al. (2016). Is Internet Pornography Causing Sexual Dysfunctions? A Review with Clinical Reports. Behavioral Sciences, 6, 17. doi:10.3390/bs6030017; Kalman, T.P. (2008). Clinical Encounters with Internet Pornography. Journal of the American Academy of Psychoanalysis and Dynamic Psychiatry, 36(4) 593-618. doi:10.1521/jaap.2008.36.4.593; Doidge, N. (2007). The Brain That Changes Itself. New York: Penguin Books.